3^Categoria

Vigor 1919, l’entusiamo è alle stelle!!

on

Comunicato Stampa
“E’ stato bello per la gente che ci viene a vedere e per me fare gol al 93’ e correre sotto la Est del “D’Ippolito” è stato da brividi”.

Ha dovuto attendere tanto Gianluca Cugnetto per prendersi una soddisfazione del genere. Lui che era fra i più promettenti ragazzi del vivaio vigorino sin dagli anni ’90. Ora i suoi anni sono 41 e in campo la Vigor oggi è sua. Tre gol con un tiro dal limite, un colpo di testa su cross da calcio piazzato ed una punizione-gioiello alla Dybala al 93’. Una prestazione superlativa di un ragazzo del ’76 che oltre a sfoggiare qualità, sorprende per la condizione fisica. Chi non sa, penserebbe si tratti neanche di un trentenne. Si porta il pallone a casa quindi e lui sa già a chi darlo. “Ad Andrea, mio figlio. Questa tripletta è dedicata a lui e a mia moglie!”

La Vigor sola in vetta al campionato. Evento assente in città dal 29 settembre 2013, giornata 5 della seconda divisione, allorché la Vigor pareggiò a Martinafranca, mantenendo il primo posto conseguito nel turno precedente, dopo il vittorioso derby 2 – 1 con il Cosenza.
Un Primo posto molto sofferto.
“Non riusciamo a gestire le situazioni positive. Sul 2 – 0 non avevamo subìto alcun tiro in porta – evidenzia capitan Cugnetto – Riapriamo le partite da soli. C’è stato anche un rigore dubbio per l’Excalibur, a me sembrava fuori area il fallo. Importante essere andati sul 3-1 subito. Loro comunque bravi a crederci, in virtù pure della superiorità numerica. Sul 3 – 3 c’è stata la loro espulsione, da dove abbiamo ripreso coraggio ed energie, creando qualche occasione e nel recupero c’è stata la punizione, abilmente procurata da Antonio Saladino, che ci dà tre punti importanti per tutti, per i mister, per la società, per i tifosi che ci seguono sempre. Venerdì scorso avevo provato quella punizione ed era riuscita allo stesso modo. Ci alleniamo per queste situazioni”.

“E’ stato bello per la gente che ci viene a vedere e per me fare gol al 93’ e correre sotto la Est del “D’Ippolito” è stato da brividi”.

Ci sono diversi giocatori duttili in squadra, che consentono rimodellamenti tattici.
“In questo momento numericamente siamo ridotti, per squalifiche e infortuni e ci stiamo tutti adattando a ricoprire più ruoli nel corso delle partite. Sulla nostra alterna prestazione forse ha influito anche l’importanza della posta in palio, la possibilità di guadagnare la vetta solitaria. All’inizio ci ha dato la carica, dopo abbiamo avvertito il peso e c’è stata una sorta di rilassamento. Dobbiamo lavorare su questo” .

Nel mese di sosta, da metà dicembre a metà gennaio, si può lavorare in tal senso.
“Un mese è lungo. Si può lavorare con eventuali nuovi innesti e il rientro degli infortunati, ma nel contempo si perde l’intensità della partita. Non so quanto sia un bene”.

Francesco Bongiovanni, classe 1990, è il classico giocatore che per un allenatore è una manna dal cielo. Con l’Excalibur Fronti, ha iniziato a centrocampo, poi è sceso a difensore centrale (rimpiazzando l’espulso Mazzocca) e quindi a terzino destro, quando è uscitio Mercuri.
“La duttilità l’ho sempre avuta. Il mio ruolo è mediano nel centrocampo a due (come siamo partiti con l’Excalibur nel 4-2-3-1) oppure mezzala – precisa il jolly vigorino – Spesso, però, da un paio di anni mi capita di giocare anche da centrale di difesa, soprattutto dopo l’esperienza al Cus Cosenza (rappresentativa dell’università della Calabria) con mister Aniello Parisi (oggi allenatore del Crotone Primavera, ed ex Vigor 2010-11), ex difensore professionista che mi ha dato importanti insegnamenti”.

Studia all’Università di Cosenza, Bongiovanni. Un ultimo esame e poi sarà Geologo. Dopo il bomber Antonio Saladino, fresco dottore in Economia Aziendale, cresce anche il livello culturale del gruppo biancoverde. Cresciuto nelle giovanili della Vigor con mister Maurizio De Sensi, ha poi giocato col Sambiase, poi in Prima categoria e quindi si è dato agli studi.

Francesco, sembra essersi creata una magìa intorno alla Vigor 1919.
“Da sempre tifo Vigor, ero un fan di Nacho Castillo, per cui quando si è prospettata l’ipotesi di giocare con questa maglia, non mi sembrava vero. Per noi questa non una è Terza Categoria. C’è tanta visibilità, ci sono i tifosi, si è creata davvero una “magìa”. Vorremmo portare subito la Vigor in Seconda categoria e poi pian piano si vedrà”. “

Lamezia Terme, 10 novembre 2017
EMAIL: asdvigor1919@gmail.com – Facebook@asdvigor1919 – Cell. 3204689149

About Gennaro Rubino

Gennaro Rubino nasce a Lamezia Terme il 15.04.1976. Si laurea presso l’Università degli Studi di Catanzaro il 21/07/2004, con tesi di laurea in Diritto Sportivo. Dal 2008 esercita la professione di avvocato. Dal 2007, inoltre, è Agente Fifa. Ha collaborato con diversi portali sportivi (Basketnet.it, Tuttobasket.net) e dal 2003 scrive su Cittasport.it di cui è l'ideatore, cofondatore e responsabile web.

Recommended for you

Cosa ne pensi dell'articolo?

0
Connecting
Please wait...
Invia un Messaggio

Spiacenti, non siamo online. Ti preghiamo di lasciare un messaggio

* Nome e Cognome
* Email
* La tua richiesta
Accedi

Hai bisogno d'aiuto? Richiedi supporto online

* Nome
Email
Siamo Online!
Feedback

Aiutaci a migliorare. Lasciaci un consiglio

Come giudichi il nostro servizio?