Basket

UNA GRANDE SFY PLANET ESPUGNA PESCARA IN GARA 1!

on

Una vittoria che ha il sapore dell’impresa, un successo importantissimo che cancella il vantaggio del fattore campo per Pescara e proietta Catanzaro a giocarsi la semifinale dinnanzi il pubblico amico, in una gara 2 davvero imperdibile. La quarta forza del campionato, guidata in campo da un talento del calibro di Rajola, contro la quinta classificata calabrese, sospinta dai giovanotti fatti in casa di coach Fabrizio Tunno. Dinnanzi al pubblico amico, gli abruzzesi hanno provato in tutti i modi a brindare al successo, ma senza fare i conti contro una formazione in salute – quella giallorossa – giunta in terra ospite con la chiara intenzione di scrivere un’importante pagina di storia. Recuperati in extremis Di Donato da una parte e Ippolito dall’altra, la contesa iniziava assolutamente contratta, con entrambi i quintetti sterili per quanto riguarda la fase offensiva. Tanto che il primo canestro arriva dopo più di due minuti e, nemmeno a dirlo, lo realizza l’uomo più esperto in campo, Stefano Rajola porta in vantaggio i suoi e si mostra subito in palla, insieme a Simone Pepe. I catanzaresi faticano troppo in attacco, e riescono a sbloccarsi dopo un’eternità, con un canestro dalla lunga distanza di Battaglia, tornato dopo la giornata di squalifica. Il primo quarto viaggia sul binario dell’equilibrio, e si conclude sul punteggio di 14 a 11 per gli ospiti. Catanzaro non si trova per caso a disputare la post-season, nonostante non fosse sicuramente tra le candidate nei sondaggi pre campionato degli addetti ai lavori, dimostra in ogni giocata quanto sia stato importante il percorso di crescita dal primo giorno di allenamento sino ad oggi. Morici, l’italo argentino alla corte dei catanzaresi, testimonia al meglio i progressi dei singoli in una fantastica annata di squadra; con un canestro dalla lunga distanza ed un paio di recuperi, contribuisce a realizzare un piccolo primo solco, ma a metà partita il punteggio è sempre in equilibrio con i giallorossi avanti per 30-25. Ad inizio di terzo quarto Catanzaro non abbassa la pressione difensiva, ma inizia a colpire anche in attacco con tutti i suoi tiratori (Naso super con 3 triple), perfettamente orchestrati dal play Scuderi che delizia la platea con una serie di assist (saranno ben 7 per lui a fine partita). Pescara non ci sta e prova a rispondere con un Pepe in versione extra lusso e con uno dei protagonisti dello spareggio interzona under 19, quel Timperi che tanto male ha fatto alle giovanili della Sfy Planet; anche tra i grandi, il giovane abruzzese (classe 97) sembra a suo agio, contribuendo a ridurre il distacco. Ogni volta però che il gap tra le squadre sembra ridursi, ci pensa una grande azione difensiva giallorossa ad evitare l’aggancio. Gli ultimi dieci minuti, cominciati con un margine di soli sette punti di vantaggio per gli ospiti, sono un banco di prova per i giovani giallorossi. L’esperienza di Pescara ed il fattore campo potrebbe pesare sull’esito dell’incontro, ma i locali non hanno fatto i conti con la grinta e la determinazione di tutto il gruppo di coach Tunno, che non si lascia condizionare dell’importanza del momento e sfodera un quarto al limite della perfezione. In attacco il principale protagonista è il giovane gioiello Carpanzano (classe 95), che firma una serie di canestri che scavano il solco definitivo. Finisce con un netto + 18 (76 a 58) per i giallorossi catanzaresi, ma nulla ancora è deciso per il passaggio del turno. La storia dei play off insegna che ogni partita ha una sua storia e sicuramente Pescara non vorrà uscire di scena senza aver combattuto fino all’ultimo istante. Di sicuro giovedì sera al PalaGiovino (inizio alle ore 20.30) la Sfy Planet avrà il destino nelle proprie mani, e potrà contare sull’importante supporto dei propri tifosi che gremiranno e coloreranno di giallorosso il palazzetto di casa.

AMATORI PESCARA – PLANET BASKET CATANZARO 58-76

AMATORI PESCARA: Pepe 23, Rajola 12, Di Carmine n.e, Di Fonzo 0, De Martino 3, Timperi 9, Di Donato 5, Bini 2, Polonara 4, Di Marco n.e. Coach: Salvemini

PLANET BASKET CATANZARO: Carpanzano 19, Battaglia 15, Naso 16, Ippolito 0, Zofrea 0, Scuderi 5, Sereni 7, Morici 8, Scuderi A. n.e, Fall 6. Coach: Tunno

 

UFFICIO STAMPA PLANET BASKET CATANZARO

About Gennaro Rubino

Gennaro Rubino nasce a Lamezia Terme il 15.04.1976. Si laurea presso l’Università degli Studi di Catanzaro il 21/07/2004, con tesi di laurea in Diritto Sportivo. Dal 2008 esercita la professione di avvocato. Dal 2007, inoltre, è Agente Fifa. Ha collaborato con diversi portali sportivi (Basketnet.it, Tuttobasket.net) e dal 2003 scrive su Cittasport.it di cui è l'ideatore, cofondatore e responsabile web.

Recommended for you

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0
Connecting
Please wait...
Invia un Messaggio

Spiacenti, non siamo online. Ti preghiamo di lasciare un messaggio

* Nome e Cognome
* Email
* La tua richiesta
Accedi

Hai bisogno d'aiuto? Richiedi supporto online

* Nome
Siamo Online!
Feedback

Aiutaci a migliorare. Lasciaci un consiglio

Come giudichi il nostro servizio?