Volley B

Top Volley Lamezia di forza sul Palermo

on

Conad Lamezia -Angelina’s Bakery Saber Palermo 3-1

25-18, 20-25, 28-26, 25-18

Durata set: 24’-25’-35’-24’

Conad Lamezia: Gerosa 3, Spescha 18, Alborghetti 7, Turano 7, Del Campo 11, Garofalo 10, Zito lib., Sarpong 4, Alfieri 1, Gaetano 1, Bruno 1, Polignino 4. Non entrati: Chirumbolo lib. Allenatore: Vincenzo Nacci

Angelina’s Bakery Saber Palermo: Bellone 2, Gruessner, Teresi 6, Brucia 10, La Rosa 14, Garofalo 10, Nastasi lib, Geraldi 10, Burriesci lib., Non entrati: Ferro, Ilardi, Cappadona. Allenatore: Alfonso Guerrieri

Arbitri: Luca Cardaci e Maurizio Venuti di Messina

E siamo a 15. Quindici vittorie per la Conad in 16 gare di campionato.

Anche Palermo è costretta ad alzare bandiera bianca al cospetto dei giallorossi, non senza però vender cara la pelle. La gara si apre con un momento di particolare emozione. Ad accompagnare le due squadre al loro ingresso in campo sono i ragazzi della Lucky Friends, che prima dell’incontro hanno giocato alcuni scambi con gli atleti giallorossi in occasione degli Special Olympics Italia che hanno fatto tappa a Lamezia.

Nacci non cambia e continua ad affidarsi al sestetto +1 che ha cominciato le ultime gare. Gerosa-Spescha in diagonale principale, Alborghetti-Turano al centro, Del Campo-Garofalo sulle bande, Zito libero.

La Conad parte subito forte. Gira tutto a dovere, funziona il servizio (subito un ace di Gerosa), funziona bene l’attacco e anche la difesa, magistralmente diretta da Zito. Palermo accusa l’ottima verve dei giallorossi e va sotto 8-3. In un sol colpo, però, gli ospiti riescono a recuperare 3 punti (dall’11-6 all’11-9) con Brucia in battuta e qualche errore gratuito dei lametini. Ottenuto nuovamente il servizio tocca a Del Campo provare a staccare ancora gli avversari. Il numero 10 forza parecchio in battuta impedendo la rigiocata a Palermo. Si va così avanti 16-9. Spescha e compagni continuano a macinare punti e ad incrementare il proprio vantaggio 20-11. Nacci cambia la diagonale principale, Fuori Gerosa-Spesca, dentro Sarpong-Alfieri. Forte del vantaggio acquisito la Conad chiude senza affanni 25-18 con un attacco vincente di Del Campo.

Il secondo si apre con giallorossi costretti ad inseguire dopo l’iniziale vantaggio ospite (1-3). Palermo sfodera le buone qualità viste anche nel match d’andata, muro e difesa sono l’arma in più dei siciliani, che costringono la Conad spesso a forzare i colpi. Ne viene fuori qualche errore di troppo che consente a Palermo di aumentare il vantaggio 8-14. La Conad non riesce a recuperare lo svantaggio e cede il set a Palermo 20-25.

Le medesime difficoltà incontrate nel secondo set caratterizzano anche l’avvio del terzo. Palermo continua a difendere ottimamente, la Conad è troppo fallosa e regala punti facili (5-9). Arriva il momento di Bruno, inserito al posto di Garofalo. Poco dopo un ace del numero 9 accorcia il gap (8-10). La squadra allenata da Guerrieri continua però a lasciar cadere a terra pochi palloni, innervosendo oltremodo i giallorossi (12-18). Con la testa e con il cuore, un punto alla volta (specie grazie al turno in battuta di capitan Spescha) la Conad si rifà sotto e aggancia il pari sul 19-19 proprio grazie ad un attacco in diagonale di Spescha. È la fase più bella ed accesa del match, gli scambi sono lunghi, ogni pallone pesa quintali. Annullata la prima palla set a Palermo (24-24), gli ospiti annullano anche la prima per i giallorossi (25-25), la seconda la manda in rete Del Campo direttamente in battuta (26-26). Infine è un’invasione aerea di Bellone a chiudere il set, tra le proteste 28-26 per i lametini.

Giocato punto a punto anche l’avvio del quarto set nel quale trova spazio, dopo qualche scambio, anche Polignino, che entra al posto di Del Campo. Un ace si Sarpong, subentrato a Spescha, vale il 16-14. È la svolta del set perché la Conad ingrana la marcia giusta e prende il largo grazie agli attacchi di Polignino e Sarpong, un ace di Gerosa e un muro di Turano (24-17). A chiudere il set 25-18 in favore della Conad è proprio Polignino. Altri 3 punti in cascina per la squadra giallorossa che vola ora a quota 40!

About Gennaro Rubino

Gennaro Rubino nasce a Lamezia Terme il 15.04.1976. Si laurea presso l’Università degli Studi di Catanzaro il 21/07/2004, con tesi di laurea in Diritto Sportivo. Dal 2008 esercita la professione di avvocato. Dal 2007, inoltre, è Agente Fifa. Ha collaborato con diversi portali sportivi (Basketnet.it, Tuttobasket.net) e dal 2003 scrive su Cittasport.it di cui è l'ideatore, cofondatore e responsabile web.

Recommended for you

Cosa ne pensi dell'articolo?

0
Connecting
Please wait...
Invia un Messaggio

Spiacenti, non siamo online. Ti preghiamo di lasciare un messaggio

* Nome e Cognome
* Email
* La tua richiesta
Accedi

Hai bisogno d'aiuto? Richiedi supporto online

* Nome
Email
Siamo Online!
Feedback

Aiutaci a migliorare. Lasciaci un consiglio

Come giudichi il nostro servizio?