Sport

Un mare di opportunità – La disabilità, lo sport, il mare

on

A conclusione di quattro delle sette tappe di nuoto in acque libere inserite nel progetto “Tra cielo e acqua – i valori del nuoto”, progetto ideato dalla FIN Calabria e co finanziato dalla Regione Calabria Art.15 L.R.

N.48/2018, si è tenuto domenica scorsa c/o la sala convegni dell’ufficio del Porto di Cetraro il seminario “Un Mare di Opportunità” promosso dal Dipartimento Istruzione Attività Culturali Settore Sport e Politiche

Giovanili della Regione Calabria e dalla FIN Calabria

All’incontro, sapientemente moderato dal Prof. Stefano Muraca, delegato FISDIR ( Federazione italiana sport paraolimpici degli intellettivo relazionali) il Presidente della FIN Calabria e vicario CONI Calabria Alfredo

Porcaro e l consiglieri Regionale On. Fausto Orsomarso e On. Angelo Aieta promotori del progetto.Ad aprire il dibattito è l’On. Aieta il quale ha sottolineato l’importanza di portare uno sport itinerante sul tutto il

territorio calabrese e plaudendo all’iniziativa presentata. Il consigliere ha messo, altresì, in evidenza come ancora, in alcune località calabresi, purtroppo non ci sia la giusta preparazione ad eventi come questi che

hanno fatto registrare, fino ad oggi, numeri considerevoli di presenze in un solo giorno. Sulla scia dell’argomento sport e turismo si collega anche il Presidente FIN Alfredo Porcaro il quale ribadisce che il binomio è

indubbiamente di quelli vincenti e da sfruttare quanto possibile affinché si possa pensare ad una reale e concreta crescita di tutti i settori sportivi di ogni livello. Ma perché questo possa essere realizzato c’è bisogno di

coesione e di nuove idee, di associazioni sportive dilettantistiche e professionistiche che abbiano il coraggio di mettersi in gioco e si facciano promotori di iniziative simili.

Durante il seminario è stata presentata, inoltre, una relazione tecnico scientifica presentata dalla Dott.ssa Gabriela Vieytes sugli “Effetti dello Sport nelle disabilità” mettendo in rilievo la sua diretta esperienza con

l’associazione sportiva dilettantistica NEMO Cosenza, (associazione che si occupa di ragazzi affetti da sindrome di down). Effetti ovviamente positivi visti i progressi significativi che hanno avuto gli atleti diversamente

abili che, quest’anno, per la prima volta si sono cimentati nelle gare di nuoto in mare proprio durante le tappe inserite nel progetto “Tra cielo e acqua”, accompagnati dai loro istruttori e da alcuni atleti degli

Anzianotti.

E poi ancora, la testimonianza del tecnico specializzato del comitato paraolimpico della Regione Calabria Prof. Giuseppe Laface il quale ha mostrato attraverso immagini e fotografie, come le disabilità sia motorie che

psichiche non impediscano la corretta attività sportiva – anche agonistica – se debitamente seguita da personale altamente qualificato.

Non a caso la presenza del Prof. Piero Greco, in qualità di istruttore di sub, specializzato con le disabilità sensoriali, ha parlato dello “Sport per ciechi e ipovedenti” e dell’importanza della sicurezza in mare e della

didattica subacquea per i ragazzi con sindrome di down, portando sullo stesso livello lo sport e la disabilità, mettendo in rilievo come lo sport può diventare viatico per cercare nuove abilità: ad esempio l’acqua che da

limite può diventare una opportunità. Difatti, per l’ultima tappa del progetto “Tra cielo ed acqua”, ha invitato a partecipare otto ragazzi ipovedenti, preparati dagli istruttori per l’allerta in mare.

Ed infine si parla degli “Aspetti educativi del nuoto” come condicio per vivere meglio, relazionato dal Prof. Federico Gross della Direzione Tecnica FIN nazionale. Non solo didattica sportiva ma crescita morale:

dedizione e ricompensa, gestione dello stress, organizzazione personale, saper vincere ma anche saper perdere e sentirsi parte integrante di un gruppo.

La relazione conclusiva è affidata al chairman Muraca il quale, dopo aver ringraziato i relatori intervenuti per l’occasione ed il numeroso pubblico presente, lascia la parola all’On. Fausto Orsomarso che ribadisce con

forza l’assoluto appoggio della Regione Calabria ad iniziative come “Tra cielo e acqua – i valori del nuoto”, che sebbene sia un progetto pionier, è diventato un esempio di come realmente e fattivamente esiste una

Calabria che si muove, produttrice e non distruttrice. Un plauso lo fa nello specifico a Rosario Caccuri Baffa, Presidente dell’Asd Anzianotti Nuoto Master, presente all’incontro assieme ad alcuni atleti, per aver

partecipato attivamente, assieme alla sua associazione, alla realizzazione del progetto dando concretezza allo sviluppo ed alla promozione sportiva ed economica territoriale sottolineando l’enorme potenzialità che la

Calabria – regione a vocazione turistica – offre con le sue meravigliose coste e con un’ampia proposta di strutture ricettive di qualità. “Auspico che in futuro si possano organizzare-finanziare altre attività del genere,

che si possa continuare su questa tendenza. Che al di là della mera pratica politica si possa godere sempre di diverse e nuove attività non solo d’estate ma durante tutto l’anno. E’ importante riconoscere e difendere la

possibilità di fare sport e turismo anche in Calabria”. E conclude: “ Non è più possibile sprecare le risorse economiche in cose inutili ma in qualcosa che dia il giusto lustro alla Calabria sia nel territorio stesso che al di

là dei confini. Ed è proprio questo che stiamo vivendo appoggiando questo fantastico progetto sportivo”.
Le note conclusive sono lasciate alla spontaneità ed alla trascinante simpatia di Amaurys Perez, pallanuotista della nazionale italiana, già campione del mondo (cubano di nascita, cosentino d’adozione) che parla

ancora di opportunità. E sottolinea l’importanza della parola, specialmente in una regione che, a volte, tende a perdere la propria identità. Invitando i presenti a sentirsi parte di una grande regione che ha tanto da

offrire sotto tutti i punti di vista. E di non perdersi mai d’animo e del bisogno che ognuno ha e di credere nelle proprie capacità. “Tutti hanno bisogno di una opportunità: quella di sognare”. Maggiori info e dettagli sul

sito www.anzianotti.com e sulla pagina facebook https://www.facebook.com/Anzianottinuotomaster/

Francesca Bilotta

About Gennaro Rubino

Gennaro Rubino nasce a Lamezia Terme il 15.04.1976. Si laurea presso l’Università degli Studi di Catanzaro il 21/07/2004, con tesi di laurea in Diritto Sportivo. Dal 2008 esercita la professione di avvocato. Dal 2007, inoltre, è Agente Fifa. Ha collaborato con diversi portali sportivi (Basketnet.it, Tuttobasket.net) e dal 2003 scrive su Cittasport.it di cui è l'ideatore, cofondatore e responsabile web.

Recommended for you

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com