Rugby

I Cacs Rugby Rende continuano a correre

on


Non alza il piede dall’acceleratore il Rugby Rende che, espugnando la fortezza dell’Hydra Rugby Club per 10-32 (1-2), porta a nove la sequenza di risultati utili consecutivi e ipoteca con tre turni d’anticipo la vittoria del girone B campano.

Trasferta insidiosa quella di Battipaglia per i biancorossi della palla ovale, con i padroni di casa pronti a dare tutto per ribaltare il risultato dell’andata: l’incipit del match segue proprio questo

copione e vede il Rugby Rende chiuso nella propria metà campo, costretto a difendersi per quasi un quarto d’ora dall’impetuoso desiderio di rivalsa dei campani. La meta dell’Hydra arriva giusto al

15” e spezza la strenua resistenza dei rendesi, che appena cinque minuti più tardi hanno l’opportunità di accorciare il divario dalla piazzola e non la sprecano grazie ad un E. Siciliano non

particolarmente brillante, che nel corso del primo tempo trasforma però due punizioni su tre e porta le squadre all’intervallo su un parziale di 10-6. Nei primissimi minuti della ripresa L. Brogno,

subentrato allo statico A. Parise, dà finalmente la scossa al match e dopo una bella percussione in solitaria scarica l’ovale su D. Almagno che conclude l’azione in meta, rimettendo in carreggiata i

biancorossi. Con la mischia calabrese in grandissima sofferenza sono i piedi del mediano S. Cannataro a muovere il tabellone nel prosieguo della gara; i ragazzi di Coach Bacci non danno sfoggio

del solito bel gioco e al 18” un giallo a J. Zambrano rischia addirittura di complicare in maniera irreparabile la situazione, ma l’Hydra non riesce a sfruttare la superiorità numerica e al 24” M.

Duca, con la propria incredibile velocità, fa svanire ogni residua ambizione, mettendo la firma sulla seconda e ultima marcatura dell’incontro, trasformata poi dal capitano biancorosso, cui va il

merito del definitivo K.O. inferto con un calcio allo scadere. La grande gioia per l’ennesimo successo conquistato si mescola al rammarico per i molti errori e per quanto andato sprecato in una

sfida comunque molto avvincente: «abbiamo faticato tanto oggi e non è concepibile esprimersi così» tuona il capitano S. Cannataro «abbiamo ancora tanta strada da fare prima di concludere

questa stagione e sarà necessario arrivare ai prossimi match, soprattutto a quelli più decisivi, con maggiore concentrazione e convinzione. Nella settimana di pausa avremo modo di registrare

meglio la mischia, oggi tallone d’Achille, e dedicarci al settore giovanile senza il quale nessun play-off sarebbe possibile». Le difficoltà in fase offensiva non impensieriscono il Presidente-Allenatore

G. Bacci, già pronto a pianificare le prossime sessioni di allenamento in vista degli impegni imminenti e a lunga gittata; frattanto scalpitano anche le compagini juniores per le quali il calendario

prevede una interessante trasferta a Monopoli contro i pari età pugliesi domenica 23 febbraio 2020.

Valentina Corrado

About Gennaro Rubino

Gennaro Rubino nasce a Lamezia Terme il 15.04.1976. Si laurea presso l’Università degli Studi di Catanzaro il 21/07/2004, con tesi di laurea in Diritto Sportivo. Dal 2008 esercita la professione di avvocato. Dal 2007, inoltre, è Agente Fifa. Ha collaborato con diversi portali sportivi (Basketnet.it, Tuttobasket.net) e dal 2003 scrive su Cittasport.it di cui è l'ideatore, cofondatore e responsabile web.

Recommended for you

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com