Promozione Calabrese

La Morrone rosicchia altri due punti a Sambiase e Vigor: parla Stranges

on

La vittoria ad Aprigliano ha gratificato il tecnico Lorenzo Stranges per la maturità mostrata dai suoi uomini nel saper indirizzare da subito la partita sui binari giusti.

«Sono abbastanza soddisfatto di quanto fatto vedere – ammette – Abbiamo cambiato il nostro modo di giocare a causa del campo molto stretto.

Volevo approcciare con cattiveria e così è stato.

L’idea era pressare alto e non fare esprimere i nostri avversari, tenendo conto che i biancazzurri hanno giocato con orgoglio. Mi dispiace vedere la mia ex squadra in difficoltà e sono parole dette con sincerità».

Indicazioni positive sono arrivate specialmente da Maio, arrivato ad 8 reti in tre mesi e mezzo, e dal giovane D’Acri.

Il terzino sinistro ha iniziato da titolare lungo l’out di competenza, mentre nel finale è stato dato spazio anche a Meringolo e Ruffolo, due baby del settore giovanile.

«Voglio evidenziare anche il lavoro di Calderaro che sono certo si sbloccherà presto. Sono contento di come si allena e dei suoi sacrifici, di cui poi in partita ne godono tutti».

La Morrone è tornata a -5 dal Sambiase, ma nel frattempo tiene a distanza la Vigor Lamezia:

anche se i biancoverdi dovessero vincere mercoledì nel recupero di Belvedere, resterebbero dietro ai granata:

«Noi giochiamo sempre per l’obiettivo più importante: non guardiamo nessuno – taglia corto il tecnico – La Morrone, pertanto, pensa soltanto alla Morrone. Voglio un rush finale con maggiore attenzione e intensità da parte di tutti».

Uno sguardo all’infermeria è d’obbligo perché ad Aprigliano non hanno giocato Bacilieri, Crispino e il capocannoniere Ferraro.

In più anche il portiere De Angelis ha dato forfait prima del match. «Aspettiamo cosa diranno i medici, ma credo che Ferraro e De Angelis abbiano buone chance di rientrare nei ranghi. Gli altri sono sulla strada giusta».

All’orizzonte c’è la partita con la Promosport, formazione a caccia di preziosi punti salvezza.

«Già all’andata ci fece soffrire ed ha un bravo allenatore – chiude Stranges – Non solo la guida in panchina è importante, ma vantano anche dei buoni calciatori. E’ una partita da non sottovalutare per nulla».

About Gennaro Rubino

Gennaro Rubino nasce a Lamezia Terme il 15.04.1976. Si laurea presso l’Università degli Studi di Catanzaro il 21/07/2004, con tesi di laurea in Diritto Sportivo. Dal 2008 esercita la professione di avvocato. Dal 2007, inoltre, è Agente Fifa. Ha collaborato con diversi portali sportivi (Basketnet.it, Tuttobasket.net) e dal 2003 scrive su Cittasport.it di cui è l'ideatore, cofondatore e responsabile web.

Recommended for you

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply