Calcio

La Vigor aspetta e grazia una spenta Salernitana (da 0-2 a 2-2)

on

Buon pareggio della Vigor a Salerno con i biancoverdi lametini che, nonostante fossero in vantaggio per 2 a 0 fino a dodici minuti dalla fine, si fanno raggiungere da una vicecapolista irriconoscibile e autore di una gara incolore e giocata male. Con maggiore attenzione e un po’ di coraggio almeno sul punteggio di 2 a 0, la Vigor Lamezia avrebbe potuto gestire meglio il controllo della palla e portare a casa i tre punti. Ma tant’è, dopo dieci gare senza vittorie, la gara giocata a viso aperto e il punto conquistato a Salerno al di là di ogni previsione, vanno accolti con entusiasmo.
Erra aveva affrontato la gara con il solito 4-3-3. Held al posto dell’acciaccato Del Sante e Scarsella nel ruolo di centrocampo dove domenica aveva giostrato il giovanissimo Voltasio. Per il resto, tutto uguale alla gara incolore giocata con l’Ischia.
La prima frazione è stata brutta da vedere e senza occasioni da rete. La Vigor resta in attesa, quasi a protezione della giovane difesa e attenta a non fare errori clamorosi come fece a Torre Annunziata. La Salernitana stenta a costruire la manovra più semplice, con Pestrin in ombra e Favasuli nervoso e disordinato. Alla fine del tempo, l’infortunato Bovo è sostituito dall’attaccante Mendicino. In avanti, Calil e Nalini sembrano poco motivati.
La ripresa si apre in maniera diversa. C’è subito un’iniziativa bianco verde con un cross dalla destra che Held cerca di finalizzare tirando in bocca a Gori. Il portiere respinge sui piedi di Montella che, stavolta riesce ad insaccare nonostante il tentativo di Lanzaro di ribattere sulla linea. 0 a 1 e locali scioccati. Menichini cerca di trovare rimedio inserendo Negro al posto di Perrulli. La Vigor, al contrario del solito, si tira dietro eccessivamente e, in qualche modo, favorisce gli spenti locali. Al 61°, proprio Negro, si libera al limite e sferra un tiro fortissimo che Forte blocca all’angolino basso. La Salernitana cerca di svegliarsi e, specie Nalini, spostato a destra, mette in difficoltà Malerba superandolo spesso e mettendo palloni invitanti in area. La Vigor, invece di controbattere a centrocampo, arretra il trio Scarsella-Papa-Puccio e si affida ai lanci lunghi. Al 72°, però, sull’unica ripartenza del secondo tempo, si porta sul 2 a 0. E’ Improta ad involarsi sulla sinistra rincorso da un nugolo di avversari, arriva al limite, si coordina e scocca un tiro preciso che va a sbattere sul palo opposto e si insacca. Due a zero e vittoria che, a tredici minuti dalla fine sembra conquistata. La Salernitana vorrebbe reagire, ma non trova le idee, né le giocate dei centrocampisti che appaiono assenti e imbambolati. La Vigor è più attenta, non sbaglia nulla in difesa, ma è sempre troppo arroccata e non tiene palla, quasi come negli ultimi venti minuti di Torre Annunziata. I difensori buttano palle a vanvera, i centrocampisti non si vedono, le punte aiutano molto in fase di non possesso, ma si fanno vedere poco nel disimpegno. Al 34’, sugli sviluppi di un fallo laterale in favore, la Vigor compie la solita ingenuità:perde il controllo e la palla finisce a Negro. L’estroso campano si accentra e, dal limite, lascia partire un sinistro chirurgico che prende in contropiede Forte e si insacca sul primo palo. L’uno a due dà coraggio ai salernitani che insistono, ma non combinano granchè se non conquistare qualche angolo. Su uno di questi, al 41’, arriva la rete del pari:Negro calcia bene nell’area affollata e Colombo stacca alla grande e, di testa, insacca all’angolino alto.
La Salernitana ci crede e insiste alla ricerca della rete della vittoria, ma la gara è agli sgoccioli e la squadra di casa spinge d’inerzia, senza idee e senza costrutto. La vittoria sarebbe stata un premio eccessivo e la Vigor, del resto, con una maggiore attenzione e con una condotta di gara più aggressiva e più convinta, poteva a casa l’intera posta, senza neanche aver dimostrato grandi cose.
SALERNITANA-VIGOR LAMEZIA 2-2

SALERNITANA (4-2-3-1): Gori; Colombo, Lanzaro, Trevisan, Bocchetti; Pestrin, Favasuli; Nalini, Bovo (41′ pt Mendicino), Perrulli (10′ st Negro); Calil. A disp: Russo, Tuia, Grillo, Tagliavacche. All.: Menichini.

VIGOR LAMEZIA (4-3-3): Forte; Spirito, Kostadinovic, Rapisarda, Malerba; Papa, Puccio, Scarsella; Montella (39′ st Catalano), Held, Improta (48′ st Voltasio). A disp: Mercuri, Maglia, Rossini, Battaglia, De Giorgi. All.: Erra.

Arbitro: Pagliardini di Arezzo (Zanella/Squarcia)

NOTE: Marcatori: 5′ st Montella, 28′ st Improta (V), 34′ st Negro, 42′ st Colombo (S);

About Gianni Scardamaglia

Presidente dell’Associazione Culturale e Sportiva Cittasport.it ed Editore dell’omonima testata giornalistica sportiva online, il Sig. Gianni Scardamaglia è maestro di scuola elementare e allenatore titolare di patentino Uefa A di 2°II.

Cosa ne pensi dell'articolo?