Volley B

La Conad Top Volley Lamezia vince soffrendo a Palermo

on

La terza vittoria consecutiva arriva ma al termine di una gara combattuta e in equilibrio fino alla fine. Merito dell’Angelina’s Bakery Palermo che costringe la Conad al tie-break e strappa un punto ai lametini.

Nacci decide di partire con Alfieri in cabina di regia, per il resto sestetto confermato rispetto alle precedenti due uscite. Spescha opposto, Bruno e Garofalo sulle bande, Alborghetti e Turano al centro, Zito libero. Il recuperato Del Campo parte dalla panchina ma entrerà nel primo set per non uscire più.

Il primo punto del match è dell’opposto siciliano Gruesner che va poi al servizio riuscendo a portare i suoi sul 3-0. La Conad non gira. Palermo difende bene su ogni pallone, mura l’impossibile e passa troppo facilmente in attacco contro una Conad che non riesce a difendere praticamente nulla, non indovina un muro e in attacco è sempre prevedibile e poco incisiva. Il vantaggio dei padroni di casa pian piano aumenta (6-2, 14-8, 18-10). Coach Nacci decide di cambiare la diagonale principale inserendo Beccaro e Sarpong per Alfieri e Spescha ma dopo scambi e un divario che non accenna a diminuire (21-13) ritorna sui suoi passi. Il set termina 25-15 con Conad in evidente confusione.

Secondo e terzo set.

La Conad mette per la prima volta la testa avanti sul 2-3 del secondo set grazie all’efficace turno in battuta di capitan Spescha che piazza il primo ace dell’incontro per il punto che vale il 2-5 e costringe Palermo al suo primo time-out. Al rientro in campo il capitano ne piazza subito un altro portando Lamezia sul +4 quindi due muri consecutivi, di Alfieri e Bruno, un altro ace di Spescha e ancora un muro di Alborghetti portano Lamezia sul 2-10 costringendo Palermo ad un nuovo time-out. È tutta un’altra Conad, più cattiva, decisa e precisa. Attacchi più convinti, muro e difesa più puntuali, finalmente si gira come si deve e il vantaggio aumenta ancora (7-18). Sul 12-24 i set a disposizione della Conad sono davvero tanti, fallito il primo la squadra concretizza il secondo grazie ad un attacco fuori degli avversari.

L’avvio del terzo set riporta a galla quelle indecisioni che sembravano ormai abbandonate dopo la seconda frazione e complice qualche errore di troppo dei lametini Palermo si porta avanti 7-3. Palermo si galvanizza e dopo un ace contestatissimo di Gruesner (palla che il primo arbitro Spartà giudica dentro tra le proteste dei giallorossi) Nacci chiama time-out sul 12-7. Lamezia non gira a dovere, torna a non funzionare nulla e Palermo ne approfitta, piazzando un allungo decisivo (21-12) con il turno al servizio di Brucia che si chiude solo quando Del Campo rompe l’incantesimo. Un’altra palla contestata, un muro fuori del Palermo su un ipotetico tocco di Garofalo che regala ben 9 palle set a Palermo (15-24) tra le proteste furiose dei giallorossi (che costano anche il giallo a Garofalo). Annullate le prime tre alla quarta occasione Palermo chiude 25-18 con una battuta che termina in rete di Garofalo.

Quarto e quinto set.

E Garofalo realizza per la Conad il primo punto del quarto set. Arrivano poi però 3 punti consecutivi dei siciliani, l’ultimo dei quali con il capitano La Rosa. Nacci richiama in panchina Alfieri e inserisce Beccaro. Lamezia continua a ricevere e difendere male, anche palloni facili, specie le tante pallette che Palermo spedisce dalla parte opposta. Un cartellino rosso per proteste a Garofalo porta i padroni di casa sul 7-2. Un muro di Turano e un erroraccio in attacco del Garofalo siciliano rimettono in partita la Conad (8-7). Il pareggio arriva sul 9-9 dopo un primo tempo out di Brucia. La Conad riacquista fiducia un attacco di Spescha e un muro di Turano portano Lamezia avanti di 2 (9-11). Un nuovo ace del capitano porta Lamezia sul massimo vantaggio + 5 (11-16). Altre due palle contestate, un altro ipotetico tocco a muro di Garofalo e un attacco chiamato fuori a Spescha consentono a Palermo di accorciare ma Lamezia adesso c’è e non perde la testa e riparte incrementando il proprio vantaggio (13-21). Sul 15-24 le palle set per la Conad sono 9. Lamezia non può correre ulteriori rischi e capitan Spescha prolunga il match al tie-break.

Nervi tesi anche nel quinto e ultimo set che la Conad decide di iniziare con il piede giusto (1-5). Al cambio di campo si va sull’2-8 con Garofalo in battuta. Questa volta è Palermo a perdere la testa mentre la Conad resta in gara, concentrata e sfrutta al meglio gli errori avversari. Palermo prova a rientrare in partita ma Lamezia resiste e chiude 9-15 una partita più difficile del previsto.

Tabellino

Angelina’s Bakery Saber Palermo – Conad Lamezia 2-3

25-15, 13-25, 25-18, 15-25, 9-15

Durata set: 25’-22’-28’-25’-16’

Angelina’s Bakery Saber Palermo: Bellone 3, Gruesner 15, Teresi 6, Brucia 6, La Rosa 12, Garofalo 15, Nastasi lib, Ilardi, Tusa. Non entrati: Ferro, Li Castri lib., Pavone, Cappadona.

Allenatore: Nicola Fello-Alfonso Guerrieri

Conad Lamezia: Alfieri 1, Spescha 19, Alborghetti 8, Turano 6, Garofalo 11, Bruno 7, Zito lib., Del Campo9, Beccaro 1, Sarpong, Gaetano. Non entrati: Polignino.

Allenatore: Vincenzo Nacci

Arbitri: Claudio Spartà e Chiara Santangelo di Catania

About Gennaro Rubino

Gennaro Rubino nasce a Lamezia Terme il 15.04.1976. Si laurea presso l’Università degli Studi di Catanzaro il 21/07/2004, con tesi di laurea in Diritto Sportivo. Dal 2008 esercita la professione di avvocato. Dal 2007, inoltre, è Agente Fifa. Ha collaborato con diversi portali sportivi (Basketnet.it, Tuttobasket.net) e dal 2003 scrive su Cittasport.it di cui è l'ideatore, cofondatore e responsabile web.

Recommended for you

Cosa ne pensi dell'articolo?

0
Connecting
Please wait...
Invia un Messaggio

Spiacenti, non siamo online. Ti preghiamo di lasciare un messaggio

* Nome e Cognome
* Email
* La tua richiesta
Accedi

Hai bisogno d'aiuto? Richiedi supporto online

* Nome
Email
Siamo Online!
Feedback

Aiutaci a migliorare. Lasciaci un consiglio

Come giudichi il nostro servizio?