Basket

Impresa sfiorata a Taranto per la Planet Catanzaro

on

CATANZRO – 9 DICEMBRE – Il Cus Jonico Taranto affianca in classifica i giallorossi a quota dieci punti, dopo averli battuti tra le mura amiche, al termine di un incontro duro, equilibrato ed intenso. Gli uomini di coach Leale erano  reduci da una pesante sconfitta in quel di Isernia; Catanzaro, vittoriosa contro Venafro sette giorni fa, aveva tutte le intenzioni di mostrare la propria crescita anche lontano dal polifunzionale di Giovino. Da queste premesse è venuta fuori una partita bella, ricca di colpi di scena ed emozionante fino all’ultimo istante. Tutti i protagonisti annunciati alla vigilia non hanno tradito le attese, anzi la squadra pugliese in extremis ha potuto recuperare il centro Tabbi, dopo alcune settimane di assenza. I locali partono a spron battuto trovando sin subito due giocatori ispiratissimi, Potì e Sirakov, che  realizzano con grande continuità dalla lunga distanza.  Taranto si porta sul più dodici a metà del secondo quarto, quando gli atleti di coach Tunno sembrano aver perso per un attimo la bussola. Scuderi, da buon capitano, si carica la squadra sulla spalle, mostrando tutto il suo repertorio di velocità, intelligenza e tecnica,  riportando sotto i giallorossi, che recuperano lo svantaggio e chiudono avanti di 1 il secondo quarto.
Il pubblico di casa si gode lo spettacolo, sostenendo i propri beniamini, che nel terzo quarto riprendono le redini del gioco, riconquistando un vantaggio in doppia cifra e terminando il terzo parziale avanti 8.
Nell’ultimo quarto le emozioni continuano; Catanzaro inizia alla grande, difendendo forte e lanciandosi in contropiede. I giallorossi raggiungono e superano gli avversari portandosi avanti di cinque a poco più di due muniti dalla conclusione, con tutta l’inerzia della sua parte. Ma il basket è uno sport imprevedibile e straordinario per questo: improvvisamente Taranto si riaccende, infilando tre triple consecutive nel giro di un minuto, Catanzaro perde lucidità, complice anche il leggero infortunio che limita il suo uomo migliore della serata, il play Scuderi, e sono così i padroni di casa ad alzare le braccia al cielo al suono della sirena.
Catanzaro esce dal campo tra gli applausi, ma con l’amarezza  di aver mancato di pochissimo una vittoria prestigiosa, contro una squadra di grande spessore, con atleti giovani di assoluto valore. Un motivo in più, per i giovanotti terribili di Catanzaro, per ripartire per una nuova settimana di allenamenti con grande concentrazione, in vista di sfide impegnative, per continuare il loro percorso di crescita, migliorando su tutti quegli aspetti negativi inevitabilmente presenti in un gruppo così giovane.

Ufficio Stampa Planet Catanzaro

About Gennaro Rubino

Gennaro Rubino nasce a Lamezia Terme il 15.04.1976. Si laurea presso l’Università degli Studi di Catanzaro il 21/07/2004, con tesi di laurea in Diritto Sportivo. Dal 2008 esercita la professione di avvocato. Dal 2007, inoltre, è Agente Fifa. Ha collaborato con diversi portali sportivi (Basketnet.it, Tuttobasket.net) e dal 2003 scrive su Cittasport.it di cui è l’ideatore, cofondatore e responsabile web.

Recommended for you

Cosa ne pensi dell'articolo?