Atletica

Corsa Campestre: i risultati dei regionali

on

Il settore Asi di Atletica Leggera di Roma ed il Comitato Regionale Asi Calabria hanno indetto il campionato regionale di corsa campestre Asi, organizzato dalla società Fiamma Atletica Cz, con il patrocinio del Comune di Marcellinara. L’evento sportivo – tenutosi presso il Parco Cocuzzo di Marcellinara (Cz)  domenica 08-marzo-  vedeva concorrere per il titolo, atleti/e di tutte le categorie, purchè tesserati con una società sportiva calabrese affiliata all’Ente di Promozione Sportiva Asi. D’intesa con la Fidal regionale si è ottenuto –per la circostanza-  il benestare per la partecipazione di atleti che non fossero affiliati Asi, senza il rischio di incorrere in provvedimenti disciplinari. Una soluzione, questa, apprezzabile e lontana da ogni forma di ostruzionismo che non giova alla libertà di partecipazione.  Per gran parte degli atleti coinvolti si è trattato di un buon rodaggio in vista della fase nazionale del campionato italiano di corsa campestre che si terrà sul suolo di Andria (Ba) il 29 marzo. L’ASI  Associazioni Sportive Italiane (già Alleanza Sportiva Italiana) è uno dei più importanti e rappresentativi Enti di Promozione Sportiva che, sin dalla sua costituzione, nel 1994, è riconosciuto dal Coni. Proprio nel 1994 una parte dei dirigenti sportivi del Centro Nazionale Sportivo Fiamma, associazione fondata nel 1948 da appartenenti al movimento giovanile la Giovane Italia, danno vita ad Alleanza Sportiva Italiana nell’assemblea costituente di Latina. In virtù di questo connubio ecco spiegata la storica affiliazione Asi -oltre che Fidal-  della Fiamma Atletica Cz  con in seno il prof. Piero Mirabelli -pioniere dell’atletica catanzarese – in prima  linea anche per la gestione di questa gara; coadiuvato dal prof. Bruno Spina (Hobby Marathon Cz) , dal dott. Nicola Mondilla,  e dal prof. Marcello Mondilla. Notizia recente è  l’affiliazione ASI da parte di un’altra storica società catanzarese l’A.S.D. Hobby Marathon Cz ,con 12 atleti impegnati a gareggiare in quel di Marcellinara.

La fruibilità e la valorizzazione del Parco Cocuzzo, in un momento di aggregazione sportiva del genere, ha reso entusiasta il sindaco di Marcellinara dott. Vittorio Scerbo nonché il presidente provinciale ASI Cz prof. Riccardo Viola, entrambi presenti all’evento e certi possano ripetersi queste  proficue collaborazioni. Un evento reso ancora più efficiente grazie alle sinergie che hanno garantito una serie di servizi:  dall’ambulanza messa a disposizione dall’associazione S.Pio di Marcellinara,  fino all’impiantistica audio di Domenico Calvieri che ha reso possibile la presenza di uno speaker tecnico.

Un cielo plumbeo ha minacciato pioggia graziando tuttavia gli atleti ed il pubblico nell’arco delle gare.  La registrazione degli atleti e la premiazione si svolgevano in un’area ricca di uliveti, vigneti, eucalipti eriche ed acacie, per poi trasferirsi su un tracciato gara adibito per l’occasione, tenendo conto delle probabili piogge che ne hanno impedito il regolare svolgimento soltanto una settimana prima. Un percorso tecnico con fondo gara costituito da ghiaia e terreno battuto che non necessitava delle abituali scarpe chiodate- consoni al tipo di competizione campestre- ( nata in Inghilterra nel 1876 fino ad arrivare in Italia nel 1908 ed animare principalmente la fase invernale della stagione agonistica).

Per ogni gara del programma tecnico che vedeva impegnate tutte le categorie -dai miniatleti (nati nel ’00- ’01) fino ai master-,  si assegnavano venti punti al primo classificato scalando fino al ventesimo che raccoglieva un punto, così come tutti gli altri classificati. La somma  complessiva (maschile e femminile) di tutte le categorie, decretava la classifica di società. Per quanto concerne le categorie dei più piccoli, le gare si sono svolgevano all’interno del campo di calcio; mentre Cadetti/, allievi/e,  juniores m/f,  promesse, seniores e master,  effettuavano giri all’interno del campo di calcio per poi confrontarsi anche su un tracciato esterno e con qualche dislivello. Ha concluso la rassegna la categoria master accorpata agli assoluti dove gli atleti hanno ricoperto la distanza di 5 km ; Davide Pirrone(Hmc)  si è aggiudicato la gara in modo autorevole mettendosi alle spalle Leonardo Selvaggi (Pol.Magna Graecia),  Vitaliano Rubino (Hmc), Bruno Autelitano (Fiamma Cz).

Alla luce del regolamento tecnico su citato, le società Fiamma Atletica Cz e l’Atletica Amica  si sono contese il titolo regionale per via del cospicuo settore giovanile di cui dispongono.

La Fiamma Atletica Cz si laureava  Campione Regionale ASI di corsa campestre,  seconda l’Atletica Amica -coi suoi ragazzi allenati dal prof. Gaetano Felicetto-,  terza l’A.S.D. Hobby Marathon Cz, quarta classificata la Corri Castrovillari, quinta piazza per la Crisal Soverato dell’encomiabile prof. Salvatore Criscuolo; sesta classificata la Kr 2012; quest’ultima annoverava due allievi futuribili  quali Sghirrapi e Giungato.  Le società Hobby Marathon, Crisal, e CorriCastrovillari  gareggiavano con atleti appartenenti dalla cat. assoluti fino ai master e di fatto concorrevano soltanto per i titoli individuali. Sono stati premiati i primi 6 atleti per ogni categoria; le classifiche sono consultabili  al collegamento ipertestuale in calce all’articolo (n.d.r).  Dopo il buon viatico di Marcellinara, obiettivo ora puntato sull’impegno nazionale di Andria (Ba) per i campionati italiani di corsa campestre ASI cui parteciperanno diversi atleti calabresi.

Gianvito Fontanella Molea

Uff. Stampa A.S.D. Hobby Marathon cz

corsa campestre

About Gennaro Rubino

Gennaro Rubino nasce a Lamezia Terme il 15.04.1976. Si laurea presso l’Università degli Studi di Catanzaro il 21/07/2004, con tesi di laurea in Diritto Sportivo. Dal 2008 esercita la professione di avvocato. Dal 2007, inoltre, è Agente Fifa. Ha collaborato con diversi portali sportivi (Basketnet.it, Tuttobasket.net) e dal 2003 scrive su Cittasport.it di cui è l’ideatore, cofondatore e responsabile web.

Recommended for you

Cosa ne pensi dell'articolo?