Sport

Calcioscommesse: cosa accade in caso di condanna?

on

Indietro1 di 2Avanti
Usa i tasti ← → (freccia) per sfogliare

Di seguito, pubblichiamo un estratto dell’articolo apparso sulle nostre pagine lo scorso 20 maggio ed in  cui spiegavamo le possibili conseguenze dell’operazione “Dirty Soccer”, che ha visto coinvolte, tra le altre, le calabresi CatanzaroVigor Lamezia. Quest’ultima è accusata da Palazzi di responsabilità diretta e oggettiva in merito alle gare contro la Paganese, il Barletta e la Casertana.


 

La tipologia di responsabilità che può essere addebitata alle società può andare da quella DIRETTA, PRESUNTA a quella di natura OGGETTIVA.

Quella DIRETTA si sostanzia nella riferibilità alla società sportiva degli atti compiuti dai suoi organi rappresentativi.

Si ha, invece, responsabilità OGGETTIVA quando l’affiliato, giova ribadirlo, anche in mancanza di dolo o colpa e comunque indipendentemente da questi requisiti soggettivi, è chiamato a rispondere sul piano strettamente disciplinare del verificarsi di qualificati avvenimenti o del comportamento di ben individuati soggetti terzi rispetto ai testé menzionati organi rappresentativi.

Si ha, infine, responsabilità PRESUNTA  quando la normativa delle federazioni sportive nazionali impone alle società affiliate, che vogliano andare esenti da conseguenze disciplinari per gli illeciti commessi a loro vantaggio da soggetti ad esse estranei, l’onere di fornire la prova di non aver partecipato all’illecito o comunque di averlo ignorato.

A disciplinare i suddetti casi intervengono, in particolare, gli articoli 4, 18 e 19 del Codice di Giustizia Sportiva della F.I.G.C. di cui, di seguito, riportiamo un estratto.

Le società sono presunte responsabili degli illeciti sportivi commessi a loro vantaggio da persone a esse estranee...”

Art. 4 “Responsabilità delle Società”

  • 1. Le società rispondono direttamente dell’operato di chi le rappresenta, anche per singole questioni, ai sensi delle norme federali.
  • 2. Le società rispondono oggettivamente, ai fini disciplinari, dell’operato dei dirigenti, dei tesserati e dei soggetti di cui all’art. 1 bis, comma 5 (i soci e non soci cui è riconducibile, direttamente o indirettamente, il controllo delle società stesse, nonché coloro che svolgono qualsiasi attività all’interno o nell’interesse di una società o comunque rilevante per l’ordinamento federale.)
  • 5. Le società sono presunte responsabili degli illeciti sportivi commessi a loro vantaggio da persone a esse estranee. La responsabilità è esclusa quando risulti o vi sia un ragionevole dubbio che la società non abbia partecipato all’illecito o lo abbia ignorato.

La disposizione in esame assume particolare rilevanza nell’ordinamento disciplinare sportivo calcistico, in quanto costituisce fondamento normativo in base al quale è possibile sanzionare la società per tutte le condotte poste in essere da soggetti tesserati o semplici tifosi, ovvero da soggetti estranei alla società stessa.

Indietro1 di 2Avanti
Usa i tasti ← → (freccia) per sfogliare

About Gennaro Rubino

Gennaro Rubino nasce a Lamezia Terme il 15.04.1976. Si laurea presso l’Università degli Studi di Catanzaro il 21/07/2004, con tesi di laurea in Diritto Sportivo. Dal 2008 esercita la professione di avvocato. Dal 2007, inoltre, è Agente Fifa. Ha collaborato con diversi portali sportivi (Basketnet.it, Tuttobasket.net) e dal 2003 scrive su Cittasport.it di cui è l’ideatore, cofondatore e responsabile web.

Recommended for you

Cosa ne pensi dell'articolo?