Eccellenza Calabrese

Buon pari per l’Amantea col Castrovillari

on

AMANTEA – CASTROVILLARI 0-0
AMANTEA: Sesti, Africano (15’ st Sicoli), Caliò, Muraca, PErciavalle, De Luca, Gagliardi (31’ st Ferrara), Pirillo, Tucci, Miraglia, Raimondo. A dip.: Carbone, Pellegrino, Graziano, Rubino, Palermo. All.: Caruso.
CASTROVILLARI: Di Cara, De Lucia, Curcio, Benincasa (15’ st Musacco), Della Guardia, Miceli, Corsaro (24’ st Grosso), Di Domenico (15’ st Sgueglia), Catania, De Simone (8’ st Akrapovic), Canale. A disp.: Caputo, Caligiuri, Longo. All.: Ferraro.
ARBITRO: Graziano (di Rossano). Assistenti: Paradiso (di Lamezia Terme) e Fanara (di Cosenza).
NOTE: Ammoniti Africano, Perciavalle, De Luca, Pirillo, Tucci e Miraglia (A), Miceli e Benincasa (C). Angoli 0-5. Recupero 1’ pt e 7’ st.

Risultato positivo e soddisfacente quello dell’Amantea che pareggio 0 a 0 in casa contro la corazzata Castrovillari. La squadra blucerchiata racimola un punto prezioso per smuovere la classifica contro un avversario in corsa per il secondo posto. Una buona gara degli amanteani che danno filo da torcere ad un Castrovillari poco pericoloso. Piuttosto sarebbe la squadra di mister Caruso ad avere la possibilità di passare in vantaggio senza però pungere a dovere. Alla fine pareggio senza reti con qualche rammarico da ambo le parti per non aver osato un po’ di più. “Mi aspettavo questo tipo di partita e devo dire che i ragazzi l’hanno interpretata alla perfezione. – afferma mister Alfonso Caruso – Abbiamo giocato contro una squadra molto difficile da affrontare e soprattutto nel primo tempo siamo stati in grado di non farli mai avvicinare alla nostra area e di impensierirli un paio di volte. Nella ripresa è venuta fuori la loro forza e noi ci siamo difesi con grinta e cuore. Devo fare i complimenti alla squadra perché è un risultato positivo che da qui in avanti avrà molto valore e di questo siamo contenti. Penso che la squadra deve continuare a lavorare come sta facendo e deve rimanere calma e unita. Se c’è un piccolo rammarico è quel potenziale rigore negatoci al novantacinquesimo perché prendere la palla con la mano sulla linea dell’area di rigore non ha bisogno di interpretazioni dato che la linea fa parte dell’area di rigore. Purtroppo all’arbitro è mancato quel coraggio che sarebbe servito per assegnarci la massima punizione che poi ai fini del risultato sarebbe potuto essere decisivo. Comunque va bene così, la squadra ha fatto una buona partita e dobbiamo continuare così cercando di fare punti tutte le domeniche. Penso che abbiamo imboccato la strada giusta e, nonostante sarà difficile, da qui alla fine lotteremo con le unghie per raggiungere la salvezza diretta”.
Ufficio Stampa
ACD Città Amantea 1927
ANTONIO GATTO

About Gennaro Rubino

Gennaro Rubino nasce a Lamezia Terme il 15.04.1976. Si laurea presso l’Università degli Studi di Catanzaro il 21/07/2004, con tesi di laurea in Diritto Sportivo. Dal 2008 esercita la professione di avvocato. Dal 2007, inoltre, è Agente Fifa. Ha collaborato con diversi portali sportivi (Basketnet.it, Tuttobasket.net) e dal 2003 scrive su Cittasport.it di cui è l'ideatore, cofondatore e responsabile web.

Recommended for you

Cosa ne pensi dell'articolo?

0
Connecting
Please wait...
Invia un Messaggio

Spiacenti, non siamo online. Ti preghiamo di lasciare un messaggio

* Nome e Cognome
* Email
* La tua richiesta
Accedi

Hai bisogno d'aiuto? Richiedi supporto online

* Nome
Email
Siamo Online!
Feedback

Aiutaci a migliorare. Lasciaci un consiglio

Come giudichi il nostro servizio?