Sport

Amantea di forza sulla Luzzese

on

AMANTEA – LUZZESE 3-2

AMANTEA: Sesti, Sicoli (35’st Africano), Gentile, Muraca, Perciavalle (31’st Caliò), De Luca, Gagliardi (1’ st Pirillo), Miraglia, Tucci (44’ st Palermo), Ferrara (1’st Tripodi), Raimondo. PANCHINA: Carbone. ALL: Caruso.

LUZZESE: Gualtieri (17’st Trinni), Bilotta (18’st Provenzano), Gigliotti, Levato, Bria, Caterisano, Altimari, Feraco, Gallo (10’st Cavatorti), La Canna, Bruno (38’st Giorno). PANCHINA: Gallo, Russo, Gnisci. ALL: Malfi.

MARCATORI: 1’ pt Bruno (L), 12’ pt Miraglia (A); 30’ st Provenzano (L), 35’ st Tucci (A), 45’st Miraglia (A).

ARBITRO: Guglielmo Sità (di Catanzaro). Assistenti: Cesare Padovano e Davide Romeo (di Reggio Calabria).

NOTE: spettatori 300 circa. Angoli 4-4. Ammoniti: Perciavalle, De Luca, Miraglia, Pirillo (A), Cavatorti (L). Espulsi: Gentile (A) al 15’ pt.

Torna alla vittoria in casa l’Amantea che vince per 3 a 2 contro la Luzzese in rimonta. Una gara accesa ed entusiasmante che alla fine ha premiato la determinazione dei padroni di casa. Gli ospiti passano in vantaggio dopo 40 secondi con un tiro di Bruno deviato dalla retroguardia blucerchiata che si insacca alle spalle di un incolpevole Sesti. Ma l’Amantea reagisce subito e, al dodicesimo, trova il pari con una bella azione di Raimondo che dalla fascia destra arriva sul fondo e crossa in mezzo dove trova pronto Miraglia che sigla la rete dell’1 a 1. Al quarto d’ora scaramucce in campo: l’arbitro estrae un cartellino rosso ai danni di Gentile. Amantea in dieci uomini. Nella ripresa la Luzzese prova a sfruttare la superiorità numerica e ci riesce: alla mezzora con il neo entrato Provenzano, gli ospiti si riportano in vantaggio grazie ad una amnesia difensiva della squadra blucerchiata. Quest’ultima però non ci sta e si catapulta in avanti dove, grazie al bomber Tucci, insacca la rete del 2 a 2 al 35’ minuto del secondo tempo. L’Amantea ci crede e tenta l’assalto finale: gli sforzi dei ragazzi di mister Caruso vengono premiati al novantesimo minuto quando da una rimessa laterale di Pirillo, la difesa ospite tarda ad allontanare e, Miraglia fa partire un destro imprendibile siglando la rete del definitivo 3 a 2. “C’è grande soddisfazione per il risultato ottenuto. – afferma mister Alfonso Caruso – Purtroppo per noi la partita si era messa subito male, sotto di un gol e con un uomo in meno dopo circa 10 minuti. E c’è soddisfazione perché siamo stati in grado di giocare senza paura per tutta la gara. Dopo essere andati sotto siamo riusciti a pareggiare. Successivamente abbiamo subito ancora la rete dello svantaggio per una disattenzione difensiva e anche questa volta abbiamo avuto la forza di pareggiare. Ma soprattutto siamo stati bravi a ribaltare il risultato allo scadere credendoci fino alla fine. Non era facile contro una buona Luzzese che doveva vincere ed ha dimostrato di non meritare questa classifica. Noi non ci siamo mai disuniti e abbiamo giocato da squadra vera. Non abbiamo mai perso l’equilibrio e nell’arco della partita abbiamo avuto più fame di loro. Bisogna elogiare questi ragazzi perché hanno fatto una partita straordinaria e di grande sacrificio in una condizione tecnica e tattica che ci vedeva in grande difficoltà. Eppure siamo stati bravi e questo ci fa ben sperare per il futuro perché sicuramente saremo con le altre squadre a combattere. E i ragazzi stanno dimostrando di crederci sempre di più nella salvezza. Da adesso in poi bisogna sfruttare il fattore campo nel modo più assoluto. Speriamo che questo sia l’inizio di una serie di risultati importanti. E noi fino alla fine daremo il massimo per ottenere la salvezza, possibilmente diretta. Ora guardiamo alla prossima sfida che sarà molto delicata. Anche se saremo molto rimaneggiati ma sono sicuro che con la forza del gruppo andremo a giocarci un altro spareggio salvezza contro l’Aurora Reggio. Cercheremo di fare un altro buon risultato e di guardare partita dopo partita. Ma per il momento mi sento veramente di fare i complimenti ai ragazzi e al pubblico che li ha assistiti per tutta la durata dell’incontro. È solo una vittoria e bisogna dare continuità il più possibile perché siamo tutti li vicino perché una vittoria può cambiare le cose in modo inaspettato e noi dobbiamo crederci fino alla fine”.

Ufficio Stampa
ACD Città Amantea 1927
ANTONIO

About Gennaro Rubino

Gennaro Rubino nasce a Lamezia Terme il 15.04.1976. Si laurea presso l’Università degli Studi di Catanzaro il 21/07/2004, con tesi di laurea in Diritto Sportivo. Dal 2008 esercita la professione di avvocato. Dal 2007, inoltre, è Agente Fifa. Ha collaborato con diversi portali sportivi (Basketnet.it, Tuttobasket.net) e dal 2003 scrive su Cittasport.it di cui è l'ideatore, cofondatore e responsabile web.

Recommended for you

Cosa ne pensi dell'articolo?

0
Connecting
Please wait...
Invia un Messaggio

Spiacenti, non siamo online. Ti preghiamo di lasciare un messaggio

* Nome e Cognome
* Email
* La tua richiesta
Accedi

Hai bisogno d'aiuto? Richiedi supporto online

* Nome
Email
Siamo Online!
Feedback

Aiutaci a migliorare. Lasciaci un consiglio

Come giudichi il nostro servizio?